Struttura dei virus

Posted on

In questa definizione di norma non rientrano batteri, funghi o virus anche se per alcuni aspetti sono assimilabili ai parassiti.

Virus a DNA Virus a RNA Sono organismi eucarioti, unicellulari o pluricellulari, con dimensioni da 20 a 50 volte superiori a quelle della cellula batterica. base alla loro struttura possono essere suddivisi in tre gruppi: i virus isometrici, per le piante sono quello del mosaico giallo della rapa, il virus X della Il virus infatti risulta in forma attiva soltanto all’interno della cellula ospite, mentre quando si trova all’esterno è come inerte e prende il nome di virione. Il genoma si trova isolato all’interno della “testa” del virus in una struttura che prende il nome di capside. (8 pagine formato doc) I VIRUS I VIRUS Sono microrganismi acellulari, poiché privi delle tipiche strutture cellulari e sono, per tale motivo, dei parassiti obbligati intracellulari. Tesina sulla struttura dei virus, i virus come vettori, la trasduzione, provirus e retrovirus. La struttura virale dei virus, modalità di infezione nei batteri e nelle cellule eucariote: riassunto Scienze — I virus hanno bisogno di organismi ospiti e di cellule ospite per la riproduzione, perciò sono definiti parassiti endocellulari obbligati, non formati

I virus sono pacchetti di acidi nucleici infettivi circondati da un rivestimento protettivo, sono i più efficienti parassiti intracellulari capaci di autoriprodursi.

  • il virus può restare in vita anche a lungo fuori da una cellula, ma se si vuole riprodurre deve entrare in una cellula ospite

Molti virus possono infettare ospiti diversi tra loro e quindi questa caratteristica manca della specificità necessaria per identificare con precisione virus diversi.

Herpesvirus: sono un gruppo di virus a DNA a doppio filamento (dsDNA), icosaedri, dotati di envelope responsabili di molte malattie dell’uomo e di altri animali. Poxvirus: come il virus vaccino, sono i più grandi virus conosciuti e hanno una morfologia complessa; il loro DNA a doppio filamento contiene oltre 200 geni. Gli individui che superano l’infezione risultano immuni a questa malattia ; tuttavia essi non si sono liberati del virus, che può permanere al loro interno anche dopo la guarigione. I virus sono, mediamente, 100 volte più piccoli e non possiedono una struttura cellulare completa. Infine, i fagociti sono in grado di incorporare i virus, processarli ed esporre loro componenti come antigeni per attivare una risposta specifica. Come i virus, anche alcuni tipi di batteri infettano l’organismo localizzandosi all’interno delle sue cellule. quindi le malattie infettive sono quelle generalmente provocate da infezioni di batteri virus protozoi e miceti, e non sono contagiose. dell’organismo • ci sono virus che danno infezione, che inevitabilmente diventa malattia (morbillo); invece infezione del virus della polio invece non induce necessariamente malattie. il virus maturo fuoriesce dalla membrana della cellula infetta, e questo envelope conterra proteine di derivazione cellulare e glicoproteine virali.

Struttura dei virus

  • batteri: 0,2 - 10 µm;
  • spore di muffe: 2,5 - 20 µm;
  • spore di lieviti: 4- 12 µm;
  • virus: 0,015 - 0,25 µ (visibili solo al microscopio elettronico).

le proteine strutturali faranno parte della struttura dei virus, mentre quelle funzionali servono per la loro duplicazione.

• i virus possono essere a dna o rna e in entrambi i casi gli acidi nucleici sono depositari dell’informazione genetica, che codificano per proteine strutturali e funzionali alla replicazione. • i recettori cellulari sono rappresentati proteine (virus hiv usa il recettore cd4; alcuni echovirus usano il recettore cd55); • i recettori possono anche essere di natura glicidica. • per i virus nudi, l’uscita del virus dalla cellula ospite avviene per esocitosi, tramite variazione della permeabilità cellulare e blocco delle sintesi macromolecolari della cellula. il virus si ritrova in vescicole secretorie che trasportano i virus attraverso il citosol cellulare e lo riversano all’esterno mediante fusione delle loro membrane con la membrana della cellula ospite. • gli anticorpi servono a neutralizzare il virus che esce dalla cellula, i linfociti ti citotossici riconosce le cellule infette e colpiscono il virus all’interno della cellula stessa. • questi virus sono prevalentemente a dna (poxviridae, herpesviridae), ma possono essere virus a rna come il virus dell’epatite c e il virus rv1 (retrovirus). • ma i virus sono molto piccoli, e non vi possono essere pori abbastanza piccoli per i virus (porosità minore 0,2micron). Anche i virus più grossi (come i poxvirus, la famiglia che comprende i virus del vaiolo) sono molte volte più piccoli di una cellula batterica. I virioni, dunque, si trovano un po’ dappertutto, nell’aria, negli alimenti e nell’ambiente, mentre i virus sono confinati all’interno delle cellule - animali, vegetali o batteriche - che li ospitano.

Presentazione sul tema: “DNA I virus sono parassiti intracellulari, costituiti di acidi nucleici (RNA o DNA), ma mai di entrambi RNA.“— Transcript della presentazione:

  • DNA a singola elica
  • DNA a doppia elica
  • DNA a doppia elica <— intermedio a R.N.A —> replicazione (i virus con questo tipo di genoma sono detti epadnavirus) Tipo a RNA:

La struttura elementare di un virus è costituita da un nucleo (core) racchiuso da un rivestimento proteico detto capside.

Sull’envelope sono disposte delle spicole, ossia protrusioni, a base glicoproteica, che permettono al virus di aderire ai recettori della cellula ospite. Come si può intuire dal nome stesso di questo gruppo, i farmaci che vi appartengono sono in grado di inibire la sintesi dell’acido nucleico del virus (il DNA). Sono perciò visibili solo al microscopio elettronico (in figura struttura del virus batteriofago T2). • STRUTTURA DEL VIRUS • I virus non sono cellule, sono formati da 1 acido nucleico e proteine. REPLICAZIONE VIRALE I virus possono replicarsi solo all’interno di una cellula; sono parassiti endocellulari obbligati. BATTERIOFAGI Differiscono dai virus animali per la struttura, le dimensioni ed alcune fasi del ciclo di replicazione. Le malattie infettive sono provocate da microrganismi parassiti patogeni: BATTERI, VIRUS, FUNGHI MICROSCOPICI (MICETI), PROTOZOI.. C. I virus, minuscoli ~ delle cellule, sono le cause principali di infezione della gola o dei mal di gola. Sono dotati di envelope molti virus che infettano le cellule animali, alcuni delle piante e uno batterico.

La struttura di base di tutti i virus prevede un rivestimento proteico, il capside, al cui interno si trova una molecola di acido nucleico, DNA o RNA.

Anche i virus influenzali sono caratterizzati da una notevole variabilità, a causa della quale ogni anno vengono allestiti nuovi vaccini. I virus animali con envelope entrano nella cellula ospite a seguito della fusione con la membrana plasmatica liberando nel citoplasma il nucleocapside (1) o mediante endocitosi (2). L’infezione latente provocata dai virus animali ricorda il ciclo lisogeno dei batteriofagi temperati, ma non prevede l’integrazione del genoma virale in quello della cellula ospite. b. Sono totalmente dipendenti da una cellula vivente (sono dei parassiti intracellulari obbligati) Coltivazione in vitro dei virus Non possono crescere nei terreni di coltura. Struttura di un virus I virus causano molte malattie nell’uomo, negli animali, negli insetti, nei batteri e nelle piante. Virus con involucro Spicole o peplomeri Virus con involucro a struttura elicoidale Virus con involucro a struttura icosaedrica 8 Sulla base dei rapporti che questi contraggono con l’ospite, si distinguono diversi tipi di microrganismi: I VIRUS «Sono microrganismi acellulari, poiché privi delle tipiche Sebbene i batteri e i virus scatenino negli esseri umani le malattie in maniera analoga, in realtà sono organismi molto diversi, con una grande varietà di caratteristiche differenti. Diversamente, i virus potrebbero essere considerati un po’ come degli “zombie”: non sono morti, ma sicuramente non sono neppure vivi. Tra le principali malattie causate da batteri e virus ci sono: 6 Parte 2 1 Dal punto di vista della struttura, i batteri sono più complessi rispetto ai virus. 4 I batteri e i virus non sono come la maggior parte degli animali. A seconda di come i virus utilizzano i meccanisimi biochimici della cellula ospite per riprodursi, si distinguono un ciclo litico e un ciclo lisogeno (o lisogenico). In questo caso il virus penetra nella cellula per fusione diretta tra il rivestimento virale e la membrana plasmatica dell’ospite. Durante l’infezione poi, possono venirsi a formare quelli che sono chiamati corpi inclusi, che non sono altro che la traccia visibile dell’assemblaggio dei virus. Tesina sui virus: definizione, struttura, come nascono i virus, forma, storia e classificazione tassonomica Elettronica e Informatica —