Rimedi naturali - Dai rimedi della nonna: La Cura delle piante da malattie e parassiti più comuni (Parte 3)

Posted on

In genere colonizzano in gran numero le parti giovani delle piante, i germogli e le foglie; esistono anche specie che infestano le radici, causando grave danno alle piante.

Bisogna porre particolare attenzione nei confronti della pianta in quanto l’olio bianco non è assolutamente un prodotto da dare quando le temperature sono alte in estate. Innanzitutto se l’infestazione si presenta in termini contenuti potete provvedere alla rimozione manuale della cocciniglia dalle foglie e dai fusti delle piante attaccate. Gli agrumi sono tra le specie di piante più diffuse nei piccoli frutteti e nei giardini delle regioni Mediterranee. Come tutte le piante, gli agrumi vengono attaccati da alcune specie di insetti. I parassiti degli agrumi più diffusi sono: Sono insetti di piccole dimensioni e grande prolificità appartenenti all’ordine dei rincoti. Foglie giovani, attaccate dalla minatrice serpentina degli agrumi Tra i lepidotteri che attaccano gli agrumi ricordiamo la Prays citri, detta anche tignola della zagara. Problema parassita delle piante di agrumi in Campania. La melata da loro emessa dalle foglie, zuccherina ed appiccicosa, favorisce infatti lo sviluppo delle fumaggini, che vanno ad imbrattare la vegetazione, con conseguente indebolimento e deperimento della pianta. Gli Aphidoidea sono una superfamiglia di fitomizi, cioè degli organismi che si nutrono della linfa delle piante, succhiandola direttamente dai vasi cribrosi mediante il rostro, un particolare apparato boccale.

La cura delle proprie piante e fiori in giardino, nell’orto o sul balcone di casa è importante per avere un angolo sempre verde e fiorito.

  • Cocciniglia Ceroplastes ricoperta allo stadio adulto da uno scudetto;

In natura esistono diverse specie e sottospecie di cocciniglia, alcune sono olifaghe, cioè prediligono solo alcune piante, mentre altre sono polifaghe, cioè si nutrono di qualsiasi pianta.

A nutrirsi delle piante e quindi a danneggiarle, sono le femmine, mentre i maschi alati, si spostano da una pianta all’altra solo per accoppiarsi. I primi sono provocati dall’azione succhiante della cocciniglia, mentre i secondi derivano da funghi e virus che vengono inoculati nella pianta durante la nutrizione dell’insetto. Le cocciniglie possono infestare i legumi, le piante ornamentali, come la magnolia, gli agrumi, l’olivo, la vite, il fico, kaki, l’olmo, il susino e il ribes. La cocciniglia è un parassita delle piante che appartiene alla famiglia degli insetti fitofagi (Rhynchota) come afidi e acari. Vediamo quali sono gli effetti dannosi della cocciniglia e come eliminarla dalle piante con i rimedi naturali. La presenza di questo insetto parassita provoca inoltre il disseccamento del fusto della pianta, dal quale deriva il deperimento delle parti colonizzate. Sono piante sempreverdi coltivate ed apprezzate non solo per la bellezza delle loro foglie ma anche per i loro gradevolissimi fiori. non si è certi che si avranno delle piante uguali alle piante madri, nel qual caso qualora si voglia ottenere una pianta ben precisa o non si è certi In altri casi le spore giungono alle piante attraverso l’umidità del terreno, e vengono assorbite dalle radici, da dove raggiungono tutta la pianta in breve tempo.

I preparati a base di piante sono per lo più infusi, decotti, macerati ed estratti acquosi che vanno riversati o spruzzati sulla pianta infestata dai parassiti

  • Cocciniglia Chloropulvinaria o cocciniglia fioccosa
  • Cocciniglia Pseudococcus detta anche cocciniglia cotonosa o cocciniglia farinosa, con aspetto polverulento, fioccoso o cotonoso;

Le malattie del limone potrebbero essere di natura differente e sarebbero in grado di colpire parti diverse della pianta.

Le malattie del limone possono manifestarsi spesso se le piante sono coltivate in serra, a causa della vicinanza degli alberi e della poca areazione dei locali. Gli agrumi sono una tipologia di piante appartenente alla famiglia delle Rutacee che sono spesso attaccate da parassiti e malattie, se non curati nel modo opportuno. Più in generale le diverse specie di cocciniglie provocano sintomi diversi come : Le piante di agrumi colpite dalle cocciniglie vanno trattate  con prodotti approvati dagli organi competenti. Esse, inoltre, sono caratterizzate da polifagia e intaccano varie parti della pianta (rami, frutti e foglie). Si tratta di insetti di piccole dimensioni che si nutrono della linfa presente nei fiori, nei frutti e nelle piante. La tristezza degli Agrumi determina la perdita delle foglie ed il mancato sviluppo delle piante, fino alla morte. Gli agrumi sono piante dai frutti assai apprezzati che crescono bene nelle regioni con inverni miti. Irrigazioni: tutti gli agrumi vogliono irrigazioni regolari e più frequenti durante il periodo della formazione dei fiori e dei frutti. Qualunque consiglio sulla cura degli agrumi, anche esulante dalle

Dai rimedi della nonna: La Cura delle piante da malattie e parassiti più comuni

  • 75 g di spicchi d’aglio triturati
  • 10 l acqua bollente
  • spruzzino

In alcuni casi, però, gli agrumi possono essere attaccati anche da cocciniglie polifaghe, cioè da specie che su nutrono anche di altre piante.

Come detto al paragrafo precedente, gli insetti che colpiscono gli agrumi sono le cocciniglie cotonose e quella a virgola, comunemente conosciute anche come cocciniglie degli agrumi. Le cocciniglie degli agrumi attaccano queste piante durante i mesi primaverili ed estivi, anche se i danni si notano a partire dall’autunno. La cocciniglia cotonosa privilegia agrumi come l’arancio, mentre quella a virgola, oltre a quest’albero, attacca spesso anche i limoni. Il risultato dell’attacco delle cocciniglie degli agrumi è un forte indebolimento delle piante colpite e il conseguente indebolimento della resa produttiva. Se gli agrumi infestati sono coltivati in giardino, si rischia anche di compromettere gravemente la resa estetica di queste piante. La cocciniglia degli agrumi della specie a virgola si può invece rimuovere usando degli insetti predatori, come i coccinellidi, o dei parassiti specifici che si nutrono di questa specie. Gli agrumi sono piante che appartengono alla sottofamiglia Aurantioideae e che contengono generi diversi; il Citrus, la Fortunella, Il Poncirus. Gli agrumi sono piante solitamente resistenti, purtroppo possono subire attacchi da malattie e da insetti parassitari. Per curare la pianta si dovrebbe provvedere ad eliminare le foglie e i rami colpiti dal fungo e disinfettarla con prodotti a base di rame.

Altri nemici degli agrumi: Tripidi, Afidi e malattie delle radici

Per riuscire a combattere la fumaggine si dovrebbe eliminare la melata dalla pianta utilizzando prodotti che contrastino i parassiti prima che la infestino.

I consigli di Giardinieri in affitto per combattere i parassiti e i funghi delle vostre piante con metodi 100% naturali: trovate il rimedio che fa per voi! Una delle principali malattie a cui gli agrumi sono soggetti è la cocciniglia. Vi raccomando quindi di portarli a compimento durante la notte, oppure nelle prime ore della giornata quando gli agrumi sono stati appena irrigati. Si deve agire secondo due vie: la prima è volta a combattere i parassiti, la seconda via cura invece la presenza della fumaggine vera e propria. I danni sono causati dalle femmine che con i loro stiletti perforano i tessuti delle piante e restano attaccate alla pianta nutrendosi dei succhi vegetali, ricchi di zuccheri. La “Tristeza” è una delle più gravi malattie che colpisce gli agrumi in particolare le specie ed ibridi dei generi e . I sintomi possono variare e sono molto influenzati dal comportamento delle specie e cultivar, nonché dalle condizioni ambientali, dai ceppi e dalle mescolanze all’interno della pianta. “ Trattare le piante con olio bianco all’inizio della primavera oppure in autunno-inverno al fine di soffocare gli insetti adulti e le larve. Le cocciniglie sono parassiti che danneggiano le piante ornamentali come i ficus, gli alberi da frutto e soprattutto gli agrumi, in particolare limoni ed aranci, in pochissimo tempo. Si ciba della linfa delle piante e si riproduce velocemente, anche per questo eliminare la mosca bianca può essere un’impresa molto complicata. Vediamo quali sono i più efficaci per combattere la mosca bianca ed eliminarla una volta per tutte dalle nostre piante. È quindi un trattamento da riservare a quelle piante che sono state infestate in maniera consistente dalla mosca bianca o da altri parassiti, come gli afidi. In ogni caso è importante eliminare immediatamente le parti della pianta infestate, tagliando le foglie che sono state attaccate dal parassita e allontanando quelle che sono già cadute. Anche del cartone impregnado di vischio alla base della pianta può essere efficace, perché blocca la risalita dell’oziorrinco durante la notte e lo intrappola.